- In evidenza -

Stopover in Oman: il quartiere di Mutrah al tramonto

29 Gennaio 2020

Prendere un aereo e svegliarsi con le luci dell’alba, sorvolando un’altra parte di Mondo. 

Non potevo chiedere di meglio per iniziare questo 2020.⁣

Lele ed io ci stiamo dirigendo in Birmania, ma un lungo scalo in Oman ci ha permesso di stringere la mano a Muscat, la capitale.

 

Muscat significa “ancoraggio”

 

Abbiamo circa 15 ore a disposizione, ma dopo un volo notturno in cui non siamo riusciti a dormire, cerchiamo un albergo in cui poterci riposare qualche ora prima di esplorare il quartiere più caratteristico della città. E’ un venerdì di Gennaio, l’aria è calda, il tassista conosciuto in aeroporto ci da il benvenuto offrendoci un caffè speziato ai chiodi di garofano che sorseggiamo in macchina chiacchierando su quanto fosse affascinante Muscat e di quanto l’Oman potesse offrire – peccato per il nostro pochissimo tempo a disposizione.

 

Muscat, Oman

 

Dopo qualche ora di sonno, usciamo nel primo pomeriggio e iniziamo a camminare. Siamo nel quartiere Mutrah.

 Le strade sono pulite, i giardini curati, i minareti spiccano tra le case bianche e basse, le mura del souq sono in marmo e il profumo di incenso è nell’aria. ⁣

 

Muscat, Oman

 

Qui, ogni angolo è elegante e sobrio per mantenere e preservare il fascino della tradizione omanita. ⁣Sì, qui modernità e antico si amalgamano armoniosamente insieme. Non ci sono strutture all’avanguardia e grattacieli che si elevano nel cielo, ma strutture moderate dai colori tenui con richiami arabeschi e cupole aggraziate.

 

Muscat, Oman

 

Il quartiere di Mutrah si sviluppa allungandosi tra le insenature delle rocce nere delle prime alture e il mare, dove spicca il forte portoghese costruito dagli europei alla fine del Cinquecento. 

Da sempre, Mutrah casa di pescatori che all’alba mostrano il pescato al mercato. 

 

Muscat, Oman

 

Muscat, Oman

 

Muscat, Oman

 

Mutrah è anche la principale area portuale e commerciale del paese, un via vai di navi e barche che si avvicinano e che si allontanano all’orizzonte nell’Oceano, un via vai di persone che si perdono tra le strette e abbondanti vie dell’antico Souq dove contrattare su antichi e preziosi cimeli.

 

Muscat, Oman

 

Muscat, Oman

Muscat, Oman

 

Mutrah è infine quel luogo dove cogliere l’essenza della capitale, tra storia, presente e futuro, da osservare e di cui far parte rispettosamente.

 

Muscat, Oman

 

Muscat, Oman

 

Nella religione musulmana, il venerdì è un giorno di festa, come per noi la domenica.

Così uomini, donne e bambini, passeggiano sul lungomare, la Corniche, chiacchierando e ridendo, e noi insieme a loro.⁣

La luce rosa-rossastra del tramonto si riflette sui pavimenti in marmo e sulle piastrelle bianche della passeggiata facendo diventare la Corniche ancora più suggestiva, il mare cambia colore diventando ancora più intenso e le luci dei lampioni si accendono creando magici riflessi sull’acqua.

 

Muscat, Oman

 

Muscat, Oman

 

Cenni di sorrisi, cenni di saluti, ringraziamenti.⁣

Qui le persone sono cordiali, gentili e non invadenti. ⁣

Dopo una lunga passeggiata, ci fermiamo ad una bancarella all’ingresso del Souq per prendere degli invitanti samosa di verdure – fagottini fritti – da gustare stando seduti sul muretto della Corniche osservando quel via vai spensierato.

Le ore a disposizione finiscono in fretta e il sole lascia spazio alla luna segnalandoci che è il momento di rientrare in aeroporto.

 

Muscat, Oman

 

Se in poche ore mi hai fatto questo effetto, tornerò presto, Oman, questo è certo.⁣

 

Travel Psych Tips: costi, muoversi e dormire

 

Costi

L’Oman non è un paese prettamente economico, i prezzi sono un po’ più alti rispetto ai prezzi occidentali. Abbiamo ammortizzato alcuni costi muovendoci a piedi ove possibile e mangiando alle bancarelle all’ingresso del souq dove una lattina di coca-cola e quattro samosa sono costati 5 Rial (circa 12 euro).

 

Muoversi

La tratta aeroporto-città costa circa 8 Rial (circa 19 euro).

All’interno del quartiere Mutrah, il prezzo per fare circa 3 chilometri è di 4 Rial (circa 10 euro).

 

Dormire

Abbiamo prenotato una stanza all’Hotel Mutrah per poter riposare qualche ora dopo il volo notturno e poter appoggiare i bagagli durante il pomeriggio.

 

 

Un ringraziamento speciale a Gabriele, mio compagno di vita e di avventure, che pazientemente mi ha seguita ed immortalata in questo stopover.

 

 

Comment

Follow @travelpsych